mercoledì 31 luglio 2013

Riflessologia del piede metodo Zù



Aurelio Pisoni, Naturopata e Riflessologo Zù di provata esperienza e formazione, presenta questo workshop di una giornata a Palazzo Fenaroli, immerso nel silenzio e nel verde della Franciacorta, a Fantecolo di Provaglio d'Iseo.

Per informazioni contatta Rosanna Bonardi,
cell. 335 6344754
email: rosanna.bonardi@bioregit.it    

giovedì 4 luglio 2013

i solari: formulazione e filtri





I nostri Solari sono il risultato di formulazioni avanzate che, nel rispetto dell’eudermia cutanea, prevedono sostanze anti-ossidanti e anti-radicali, vitamine, attivi idratanti e lenitivi per una abbronzatura dorata, uniforme e sicura su viso e corpo e di lunga durata.
Con oli essenziali radioprotettivi (niaouli), lenitivi e rigeneranti cutanei (mirto, lavanda) e anticellulite (cedro).
Differiscono sostanzialmente dai prodotti “classici” in quanto la protezione avviene attraverso la stimolazione della melanina e per questa ragione, per preparare adeguatamente la protezione della pelle per l’esposizione al sole, devono essere applicati su viso e/o corpo per alcuni giorni precedenti la prima esposizione al sole.
In tal modo, la stimolazione diretta mirata alla produzione di melanina (la nostra difesa corporea agli effetti del sole), consente una abbronzatura graduale e protetta da reazioni indesiderate.

Le applicazioni di olio o latte solare, devono essere ripetute durante il tempo di esposizione al sole, per mantenere alla pelle la giusta idratazione.

Conoscere i diversi tipi di filtri solari
Le creme solari sono cosmetici sottoposti ad una legislazione specifica.
In particolare, la normativa prevede una lista delle sostanze che si possono usare come filtri solari (fra i quali l'Ethylhexyl methoxicinnamate), le concentrazioni ammesse e le avvertenze, aggiornata periodicamente sulla base delle opinioni del Comitato Scientifico sui prodotti cosmetici.
In generale, le creme contengono una miscela di sostanze filtranti, in modo da poter filtrare diversi tipi di radiazioni e garantire una protezione più ampia.
I filtri si distinguono in chimici o fisici a seconda della loro natura e del modo in cui agiscono.
I filtri chimici contengono sostanze di sintesi che assorbono le radiazioni; i raggi solari si "incastrano" nelle molecole del filtro dove vengono bloccati e non raggiungono quindi l'epidermide. Per fare questo la struttura di queste sostanze è particolarmente complessa e ciascun filtro cattura e trasforma selettivamente solo certe bande di raggi solari, non tutti i raggi solari.
Questo meccanismo fa sì che il filtro chimico "trattenga" l'energia dei raggi del sole e la rilasci sotto forma di calore, aumentando la sensazione di caldo sulla pelle.

I filtri chimici POSITIVI
  • butyl methoxydibenzoylmethane (nome commerciale parsol): è uno dei filtri più utilizzati ed efficaci per raggi UVA e in parte UVB, potrebbe però essere instabile. La presenza di octocrylene migliora la stabilità della crema.
  • ethylhexyl methoxycinnamate: filtro efficace per gli UVB, adatto a pelli sensibili. Non è però utilizzabile da solo perché non garantisce un'ampia copertura.
  • terephthalylidene dicamphor sulfonic acid, (nome commerciale mexoryl mx): è molto efficace per gli UVA e in parte UVB, non penetra nella pelle. Potrebbe degradarsi se utilizzato da solo.
I filtri chimici NEGATIVI
  • benzophenone-3: è sospettato di penetrare attraverso la cute e potrebbe provocare allergie o reazioni di fotosensibilità o problemi ormonali.
  • methylbenzylidencamphor: alcuni studi hanno dimostrato alterazioni della tiroide sulle cavie, è stato trovato in tracce nelle urine quindi penetra nella pelle. Può anche dare reazioni allergiche.
  • paraaminobenzoico acid (PABA): era il filtro più utilizzato in passato, molto efficace in particolare per i raggi UVB. Potrebbe provocare sensibilizzazione e reazioni allergiche. Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che ha effetti estrogenici. Per questi motivi, il comitato scientifico della Commissione Europea che si occupa della sicurezza dei cosmetici ha deciso che non può più essere utilizzato come filtro.
Gli altri filtri chimici non citati sono senza infamia e senza lode.
I filtri fisici schermano tutti i raggi solari, non sono selettivi e costituiscono una barriera che riflette tutta la luce. In pratica, a differenza di quelli chimici, non filtrano alcuni raggi UV, ma li riflettono tutti. I filtri fisici respingendo i raggi solari, non provocano un surriscaldamento dell'epidermide. Questo tipo di filtri in passato erano poco apprezzati perchè per la loro struttura creavano un effetto antiestetico di patina bianca, ma oggi questo inconveniente è stato superato grazie a nuove tecniche di micronizzazione degli ingredienti. I filtri fisici sono più adatti per chi soffre di fotosensibilità, per chi ha la pelle danneggiata e per i bambini, perché più tollerati dalla pelle.

I filtri fisici più usati sono: ossido di zinco (zinc oxide) e biossido di titano (titanium dioxide).

lunedì 1 luglio 2013

GAMBE SCOLPITE E LEGGERE, PER UNA PROVA COSTUME FIRMATA "BIOREGIT": Rosanna Bonardi dà qualche suggerimento per affrontare al meglio l'estate.


“Vento d’estate, io vado al mare! Voi che fate?” Così cantavano qualche anno fa Niccolò Fabi e Max Gazzè.
In effetti, tra un acquazzone e una schiarita improvvisa, siamo entrati appieno nella stagione più desiderata dell’anno. E noi donne, come di consuetudine, ci accingiamo ad affrontare la temutissima prova costume.
Con Rosanna Bonardi, esperta aromaterapica e consulente Bioregit, cerchiamo oggi di suggerirvi, care lettrici, qualche piccolo trucco per rendere le vostre curve un po’ più “scolpite” e per alleggerire il peso di gambe spossate dal caldo.


  • Come accennato, oggi affronteremo il tema della prova costume. Prima di iniziare, puoi descriverci brevemente i principali inestetismi che colpiscono noi donne, in modo che ognuna possa riconoscersi? E per ognuno di questi esiste una soluzione diversa?
Esistono innanzitutto diversi tipi di cellulite e occorre individuare il proprio caso di riferimento.
C’è una cellulite di tipo fibroso, che è localizzata principalmente nella zone di addome, fianchi, glutei e cosce, braccia e ai lati della schiena. Questo inestetismo si presenta nelle donne  con sofferenza circolatoria, dove si altera il pannicolo adiposo, dando vita così a una pelle a  "buccia d'arancia". Si palesa come uno stato molto evidente nella donna in sovrappeso. Il rimedio estetico, in questo caso specifico, consiste nell’ossigenare e detossinare la pelle per stimolare il metabolismo cellulare, riducendo e drenando il tessuto adiposo.
C’è poi una cellulite edematosa: colpisce prevalentemente la parte bassa delle gambe, i piedi e le caviglie. La pelle ha un aspetto gonfio e spugnoso, dolente al tatto. In questo caso si nota un rallentamento della circolazione venosa e linfatica e si può avere anche una perdita di elasticità nella zona dell'interno coscia. Suggerisco in questo caso un trattamento atto a riattivare la circolazione e il drenaggio dei liquidi stagnanti, eliminando così la sensazione di pesantezza e di gonfiore alle gambe.

  • Bioregit propone anche una linea dedicata al grande pubblico e acquistabile su www.regenetrestore.com. Vuoi prescrivere un programma più o meno generico per la cura di queste problematiche?

Per la cellulite fibrosa suggerisco il seguente programma, da seguire tutti i giorni (domenica esclusa):
Mattino - crema levigante (sulle zone cellulitiche) + gel snellente
Sera - dopo la doccia, applicare olio cellulite.
C’è poi un trattamento d'urto, da effettuare 2 volte alle settima, con l’utilizzo della crema levigante + fango disintossicante.

Per la cellulite edematosa, invece, suggerisco quanto segue (da fare sempre tutti i giorni, domenica esclusa):
Mattino - crema levigante + gel snellente
Sera - dopo la doccia. gel cellulite
Il trattamento d'urto (sempre 2 volte la settimana), in questo caso, vuole l’applicazione della crema levigante + fango disintossicante.

  • Oltre all’utilizzo dei prodotti Bioregit, quali “trucchi” ti senti di consigliare, in abbinamento ai trattamenti sopra elencati?
In abbinamento ai nostri prodotti, è comunque da consigliarsi un’alimentazione corretta. Occorre inoltre fare del movimento (l’ideale sarebbero 30 minuti al giorno), cercando di introdurre preferibilmente liquidi privi di zuccheri.

  • Un’ultima domanda: la pubblicità e i media in generale ci bombardano ogni giorno (soprattutto con l’avvicinarsi della bella stagione) con spot di prodotti che promettono miracoli. Molte donne, alla continua ricerca della perfezione fisica, tentano il miracolo, spesso investendo parecchio denaro e ottenendo ben pochi risultati. Bioregit, in cosa è diverso? Perché una cliente dovrebbe scegliere voi, piuttosto che qualcun altro?
Bioregit è un'azienda con più vent'anni di esperienza in campo estetico. Da sempre utilizziamo prodotti ricchi in principi attivi: oli essenziali (con il chemiotipo definito),  estratti vegetali e oli vegetali spremuti a freddo. E, soprattutto, tutto il nostro staff ha un’altissima conoscenza in aromaterapia scientifica, sulla base della scuola francese.
La formulazione dei nostri prodotti è altamente dermofunzionale, in risposta ai vari inestetismi che attanagliano la nostra clientela, sia sul viso che sul corpo.
E, non ultimo, i prodotti Bioregit sono veramente naturali, con tanto di certificazione biologica (certificato icea,  protocollo Cosmos).


Negozio on-line

Vi ricordiamo che i nostri prodotti di Aromaterapia e Cosmesi Biologica possono essere acquistati nel nostro negozio on-line

LAVORA CON NOI

Se svolgi attività promozionale e di vendita di prodotti a erboristerie, centri benessere, centri estetici, centri di medicina naturale, parafarmacie, etc e hai interesse a collaborare con noi, invia il tuo curriculum a:

mrosa.orizio@bioregit.it